Lo snowborder che voleva l’eutanasia vola ai Giochi Paralimpici