Il (dis)ordine da ricomporre